Let’s talk about…Versatilità!

Siete Basi e non vorreste mai cambiare il vostro ruolo? Siete Flyers e vi rifiutate di fare qualsiasi altra posizione? Dopo aver letto questo articolo cambierete idea e scoprirete che essere versatili non è un difetto!

Se conoscete il cheerleading infatti saprete ormai da tempo che in ogni groupstunt ci sono ben quattro posizioni o ruoli!
Per un breve ripasso o per chi è alle prime armi:

  • Backspot o spotter: persona che sta dietro allo stunt; aiuta a sollevare tenendo ben salde le caviglie della flyer ed è il responsabile della sicurezza, colui che “afferra per primo” in caso di cadute.
  • Main base: la base che sta alla destra della flyer
  • Side base: la base che sta alla finistra della flyer
  • Flyer: la persona che viene sollevata o lanciata durante gli stunt
  • Eventuale frontspot: spotter che sta davanti allo stunt; anch’esso per la sicurezza o per collaborare con le basi al sollevamento

Benissimo, dopo questo breve excursus sui ruoli all’interno di un groupstunt, iniziamo a focalizzarci sulle cose importanti!

Fisico e ruolo?

Va da sé che ogni ruolo abbia determinate caratteristiche che lo rendono più o meno adatto ad un atleta: il backspot, ad esempio, è solitamente l’atleta più alto del groupstunt. Questo perché in primis deve riuscire ad arrivare a tenere le caviglie del flyer anche in full extension; in secondo luogo perché è il primo a dover prendere in caso di cadute o durante i lanci.
La flyer (o il flyer) la maggior parte delle volte è l’atleta più mingherlino o basso: questo perché è più facile da sollevare, ma anche per una questione di baricentro. Un flyer molto alto è più difficile da bilanciare in aria!
Le basi sono invece pescate tra gli atleti più forti, più basse del back ma più alte del flyer.
Questo è, all’incirca, lo standard per quanto riguarda i ruoli.

 

Ma quindi se un cheerleader è alto si ritroverà a fare il backspot per sempre?
ASSOLUTAMENTE NO!

Può capitare di doversi adattare a ruoli diversi dal proprio o addirittura di dover cambiare totalmente posizione da una stagione all’altra. 

Questo per dirvi che nel cheerleading è importante imparare ad avere anche una certa versatilità: si cresce, si cambia, arrivano nuovi compagni di squadra e può essere utile ogni ruolo per la buona riuscita di una routine.

Capita spesso infatti che tante ragazzine, da piccole molto basse, crescano inaspettatamente nel giro di pochi mesi: da flyers passano addirittura ad essere backspots! Altre ragazze invece si ritrovano a passare da un team all girl in cui erano basi ad un team coed in cui sono richieste come flyers, oppure ragazzi che da basi si ritrovano ad essere backspots perchè nel loro team sono arrivate delle ragazze più basse adatte ad essere basi!

Non c’è nulla di male a cambiare posizione… Certo; avere lo stesso ruolo per molto tempo da una parte aiuta ad affinare la tecnica ma anche conoscere altri ruoli ha diversi pregi!

Innanzitutto essere versatile aiuta a capire cosa provano e cosa devono fare tutti gli altri tuoi compagni di group stunt, riesci a capire come migliorare il tuo lavoro e capire anche i tuoi sbagli o quelli altrui.

Conoscere e provare altri ruoli permette di migliorare nel proprio!

Inoltre essere versatile è molto utile durante una routine: spesso infatti per determinati piramidi o elementi serve che una base sappia essere anche un buon backspot o che una flyer sappia fare da frontspot o addirittura da base!
Tutti i ruoli sono importanti e non bisognerebbe MAI impuntarsi su uno soltanto!

Essere versatile ti fa apprezzare molto di più questo sport!

Spesso molti cheerleader snobbano o non apprezzano certi ruoli…sbagliando!

Ad esempio atleti che apprezzano solo il ruolo di flyer o altri che pensano che essere Backspot non sia appagante!
Il cheerleading non funziona cosi!

 

Bisogna sempre ricordare che ogni ruolo è importante ed ha i suoi pregi e difetti!

Molto spesso proprio cambiando ruolo si apprezza ogni posizione e si capisce quanto sia difficile ma anche soddisfacente fare un altro ruolo!

Essere basi è faticoso e può sembrare di essere meno in vista…ma volete mettere la soddisfazione di saper essere perfettamente coordinati, di saper sollevare, lanciare e riprendere un altro essere umano? E’ un ruolo difficile: bisogna avere una tecnica impeccabile e combinarla con la forza fisica. Non è semplice tenere in mano dei piedi con il grip giusto! Fa sentire forti e preziosi. Senza basi il cheerleading…non sarebbe cheerleading!

Essere flyer può sembrare facile e per nulla faticoso. Ma avete mai provato anche solo a contare a voce alta mentre siete in aria? E’ ben difficile! Questo perché essere flyer richiede una grandissima concentrazione a livello mentale. Il corpo dev’essere perennemente contratto e controllato…tutto questo sorridendo e facendo acrobazie e pose in aria. Fidatevi: stringere ogni muscolo per più e più ottave (magari messi in scorpion o bow and arrow) fa sudare!

E i backspot? Guai a chi dice che non sono utili! Sono loro la vera forza di un groupstunt! Spingono, permettono di salire, aiutano a bilanciare, permettono di controllare ogni stunt e parano ogni tipo di caduta. Per loro la fatica è doppia: non solo devono essere forti, ma anche attentissimi a prevedere problemi e sbilanciamenti, sempre all’erta per prendere nel modo giusto le flyers. Tutto questo contando per il resto del gruppo… lode ai backspot: sono probabilmente il ruolo più prezioso.
PS: non dimenticatevi che la “base” che tiene la caviglia durante un double base è detta spotter!

Se sai fare più ruoli hai più probabilità di successo!

In Italia purtroppo non esiste molto la mentalità tryouts… ma nei paesi in cui è necessario fare un’audizione per entrare in un nuovo team (che valuti abilità, livello, adattabilità e mentalità), un atleta che sa essere versatile ha molta più probabilità di entrare in squadra!

In conclusione

Non importa quale ruolo sia apparentemente più in vista, quale richieda più forza fisica, flessibilità o coordinazione…tutti le posizioni all’interno di un groupstunt sono indispensabili e piene di soddisfazioni da farci guadagnare! Mai denigrare un ruolo! Sono tutti fondamentali per la riuscita di una routine! Impariamo a fare più ruoli possibile e saremo degli atleti imbattibili!

E per finire…una citazione a tema cheer: “Respect your bases, protect your flyer, cherish your backspot”, ovvero “Rispetta le tue basi, proteggi il tuo flyer, abbi cura del tuo backspot”
Qualsiasi sia il tuo ruolo, quindi ricorda di rispettare sempre quello degli altri: incoraggia i tuoi compagni, perché senza di loro non potresti fare nulla!

 

Lascia un commento