Let’s talk about… Routine!

Benvenuti in un nuovo Let’s talk about…Routine!

L’obiettivo di una squadra di cheerleading, si sa, è portare a termine nel migliore dei modi la propria routine in ogni gara senza bubbles, touches o falls (Cosa sono? Insicurezze negli stunt che non vanno su puliti, cadute nel tumbling e cadute vere e proprie da stunt e piramidi!). Ma…al di là degli errori che in gara possono capitare anche ai team migliori, avere una routine bella e ben studiata può essere un enorme punto di forza per portare il punteggio alle stelle e per incantare il pubblico!

Sono tanti gli aspetti che caratterizzano una routine e per essere eseguita alla perfezione bisogna definire minuziosamente tutti i dettagli. Oggi abbiamo quindi pensato di analizzare quelle che, secondo noi, sono le caratteristiche che possono rendere anche la routine più tecnicamente semplice la migliore da vedere!

Pulizia e sincronizzazione prima di tutto!

Può essere banale, ma non sempre si dà il giusto peso alla pulizia e sincronizzazione di una routine ! Una routine per essere on fleek deve avere una sincronizzazione al millisecondo. Ognuno deve rispettare i propri conteggi e i propri tempi. Vedere una routine pulita fa la differenza: se c’è qualche errore di sincronizzazione si nota subito! E’ importante poi che gli elementi proposti possano essere eseguiti al meglio da tutti i groupstunt, in modo sincrono anche per quanto riguarda tempo dei caricamenti, motions delle flyers e rotazioni! In routine bisogna cercare di essere tutti uguali.

Via libera all’originalità e alla creatività!

Il cheerleading è uno sport fatto per sperimentare e divertirsi! La regola d’oro è: MAI essere banali! Una motion diversa dal solito, un basket toss inventato dalla propria squadra, una sequenza che combina diversi elementi in modo fantasioso, una sequenza di jumps fatta in modo coreografico o anche la semplice disposizione degli atleti in campo… non ci sono ostacoli alla creatività!

Inizio e fine energici!

Le parti di routine che devono essere perfette? Inizio e fine! Via libera all’esplosività, alla coordinazione, all’energia! Osate, divertitevi, siate sicuri di voi soprattutto in queste due sezioni della routine! Sono le più importanti, quelle che resteranno impresse nella mente di giudici e spettatori! Rendete il vostro inizio routine un’esplosione di energia e concludete con gioia e fierezza!

Non sottovalutiamo le transitions!

Molto spesso si vedono routine veramente molto belle e con elementi anche piuttosto difficili…in cui però si ignorano completamente gli spostamenti fra una fase e l’altra! E’ importante coreografare al meglio anche le parti che sembrano avere minore importanza! Sono proprio quelle, a volte, che rendono anche la routine di minor livello davvero spettacolare!

L’importanza della musica!

Le musiche che fanno da sottofondo a una routine di cheerleading si chiamano “cheer mix” o “cheer music mix” e…sono fatte con tutti questi effetti e voiceovers per un motivo! Servono infatti a enfatizzare movimenti, giravolte, tosses, lanci e transitions! Quindi, è bene impostare la propria routine in modo che ogni elemento riprenda in qualche modo ciò che viene detto o suonato dal proprio mix!

Non dimentichiamoci Motions e Faces!

Faces, sorrisi, smorfie, facce buffe hanno tutte un gran valore! Non bisogna dimenticarsi mai che ogni piccolo dettaglio dà un tocco in più alla routine! Sapete come si dice? “Se durante una routine ti senti scemo per le espressioni che stai facendo…beh, vuol dire che stai facendo giusto!”
Quindi via libera alle smorfie buffe!


 

 

 

Lascia un commento