Let's talk about...

Let’s talk about…FEDERAZIONI!

Cari cheerleaders e non, oggi affrontiamo un argomento un po’ spinoso e molto discusso…le FEDERAZIONI!
Non vogliamo però certo parlare delle diatribe legali/politiche presenti tra i vari organismi in territorio italiano, ma presentarvi una quanto più accurata possibile ricerca sulle federazioni da cui l’Italia si ritrova a dipendere!
In questo articolo, perciò, troverete delle info utili a capire qualcosa di più sul cheerleading a livello rappresentativo e legale! Speriamo che possa esservi utile e vi preghiamo di dare un’occhiata anche al disclaimer lasciato alla fine di questo post.

Quali sono le Federazioni Mondiali?

In ambito mondiale e internazionali, sono al momento presenti due federazioni.

La federazione più influente è senza dubbio l’ICU, International Cheer Union. Fondata nel 2004, racchiude al suo interno il maggior numero di iscritti a livello internazionale, con 105 federazioni presenti e più di 3 milioni e mezzo di atleti da ogni continente. E’ riconosciuta come l’organo governativo di Cheerleading mondiale.

IFC, International Federation of Cheerleading. Con sede a Tokyo, attiva dal 1998, nasce dall’incontro tra la federazione Giapponese e l’ECA, di cui parleremo nel prossimo paragrafo. Nonostante IFC sia nata prima in ambito federale, oggi è diffusa quasi esclusivamente tra i paesi asiatici.

 

Quali sono le Federazioni Europee?

In ambito Europeo, sono al momento presenti due federazioni.

La principale, quella che racchiude al suo interno il maggior numero di federazioni europee iscritte, è l’ECU, European Cheerleading Union.
Le nazioni iscritte all’ECU sono al momento: Armenia, Austria, Azerbaijan, Bielorussia, Belgio, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Danimarca, Finlandia, Francia, Galles, Georgia, Germania, Grecia, Inghilterra, Irlanda, Israele, Italia (con due federazioni! Ne parleremo tra pochissimo!), Moldavia, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia (due federazioni), Rep. Ceca, Romania, Russia (due federazioni), Scozia, Slovenia, Spagna, Serbia, Svezia, Svizzera, Ucraina, Ungheria.
Nell’ultima edizione dei Campionati Europei, la Federazione ha eliminato le categorie di partner stunt e groupstunt, così come ha fatto negli scorsi anni l’ICU, per aiutare l’entrata alle Olimpiadi del nostro sport.

La seconda, più vecchia ma al momento con meno partecipanti, è l’ECA, European Cheerleading Association. Le nazioni che rappresenta oggi sono Croazia, Germania, Gibilterra, Gran Bretagna, Grecia, Italia (con una federazione; a seguire!), Lettonia, Polonia, Russia, Slovenia e Ucraina. Tra le categorie di gara, sono ancora presenti quelle di groupstunt e partner stunt. E’ membro dell’IFC.

Quali sono le Federazioni Italiane?

In Italia sono presenti, al momento, 4 federazioni.

FISAC CHEER, Federazione Italiana Sport Acrobatici e Coreografici, con sede a Cesenatico.  Racchiude al suo interno, oltre al cheerleading, svariati altri sport, tra cui Team Gym, Fitkid, Acrosport, Tumbling… Da agosto 2017 la sezione di Cheerleading è diventata autonoma su richiesta di ICU.
E’ attiva dal 2008; attualmente è l’unica federazione italiana ufficialmente riconosciuta da ICU ed ECU.

FEDERCHEER. Nasce come FicAD,  Federazione Italiana Cheerleading Acrobatico e Dance, nel 2008. Inizialmente entra nell’ambito internazionale come membro dell’IFC.
A seguito delle indicazioni dell’ICU, nel 2015 Fisac e FicAD si uniscono creando un unico movimento chiamato Fisac-Federcheer, con al suo interno le società tesserate in entrambe le federazioni precedenti.
Oggi le due federazioni sono nuovamente separate e FicAD ha preso il nome di Federcheer. Federcheer sta promuovendo anche il Paracheer ed è riconosciuta dal Comitato Paralimpico Italiano tramite Fisdir (Federazione sportiva paralimpica riconosciuta dal CIP)

FICEC, Federazione Italiana Cheerleading e Cheerdance. Creata da membri provenienti dalle prime due federazioni nel 2013, è membro associato di ICU ed ECU, con accesso ai mondiali e agli europei insieme a Fisac.

ICCMA, Italian Cheerleading Cheerdance Majorette Association. Nata nel 2017, è membro riconosciuto da IFC ed ECA (oltre che delle federazioni di Majorette, che tralasciamo perché non ricadono nel nostro ambito di ricerca…)

Al momento, Fisac e Ficec partecipano entrambe ai mondiali ICU e agli europei ECU.

Iccma, invece, gareggia in IFC ed ECA.

Inoltre ricordiamo che attualmente il CONI non ha ancora riconosciuto nessuna federazione come si può vedere sul sito web nella sezione “Federazioni Sportive Nazionali.”

Cosa ne pensano gli atleti Italiani?

Rispondere a questa domanda è semplice: gli atleti vorrebbero UNA SOLA Federazione, soprattutto per quanto riguarda l’Italia che al momento è il paese con più federazioni al mondo !!!


Questo perché? Vi elenchiamo qualche motivo che pensiamo possa essere condivisibile dai più:

  • Ci permetterebbe di essere riconosciuti dal CONI e, quindi, di crescere come sport.
  • Ci sarebbe un SOLO campionato Italiano e non 3/4/5 come adesso.
  • La competizione sarebbe maggiore, ma anche più sana! A nessuno piace vincere quando si trova a gareggiare solo con sé stesso! Purtroppo, soprattutto negli ultimi anni, spesso e volentieri si trovano categorie di gara con una sola squadra partecipante. Ai cheerleaders non piace vincere facile, preferiamo lottare!
  • Gli atleti, o per lo meno la maggior parte di loro, non ha assolutamente nulla contro i propri avversari! La competitività c’è ed è giusto che ci sia, ma la presenza di più Federazioni e più Campionati non aiuta gli atleti a stringere un rapporto di amicizia tra loro che sarebbe utile per la crescita del nostro sport.
  • In nessun altro sport atleti e squadre si devono preoccupare di quale Federazione preferire per la propria iscrizione alle gare!
  • Agli atleti interessa gareggiare e imparare…non di certo badare agli interessi burocratici e politici!

 

DISCLAIMER!

Tutte le informazioni riportate nell’articolo sono state da noi reperite sul web. Preghiamo, per tanto, di informarci qualora fossero sbagliate e provvederemo ad aggiornare con le info corrette.
Non vogliamo in alcun modo pubblicizzare l’una o l’altra Federazione: il nostro intento è esclusivamente esplicativo. Non faremo pubblicità a nessuna organizzazione!
Il pensiero conclusivo del nostro articolo è certamente personale…ma condiviso dalla maggior parte degli atleti italiani! Speriamo di averlo espresso al meglio. Contattateci per qualsiasi info aggiuntiva o per darci il vostro parere (cordialmente!). Sappiamo che l’argomento “federazioni” è purtroppo spinoso e difficile da affrontare nel modo giusto e senza sbilanciarsi, ma noi ci stiamo provando e speriamo di riuscirci al meglio!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.