Cheer Boys Cheerleading Interview

Interview: Cheerboys!

Famosi in tutta Italia e amati da chiunque, sono una decina di ragazzi di più team che  hanno rivoluzionato il panorama nazionale creando il gruppo dei “Cheer boys”. Tra divertentissimi memes e tanta voglia di fare partnerstunt, oggi ci hanno rilasciato una bellissima intervista. Siete pronti a conoscere meglio i ragazzi che rendono il cheerleading ancora più divertente? Benvenuti quindi nella nuova Interview: Cheer boys!

1. Qual è secondo voi la più grande soddisfazione per un ragazzo che fa cheerleading?

Secondo noi la soddisfazione più grande si ha nel fare cose difficili e “cazzute” per così dire. Fare basket alti, routine di partner, tenere su piramidi complesse, stunt, tumbling (per chi ha coraggio) e così via…è un po’ per competizione e un po’ per voler dimostrare di valere agli altri e a se stessi. Siamo soddisfatti quando questo sport ci dà i risultati per cui ci spacchiamo le ossa!

2. Qual è stata la motivazione che vi ha fatto iniziare questo sport?

Veniamo ovviamente da storie differenti: c’è chi ha iniziato perché spinto dagli amici, chi perché lo ha scoperto sui social, altri proprio casualmente dopo averlo visto dal vivo…fatto sta che tutti possiamo dire che, a poco a poco, la passione è esplosa. Purtroppo a livello nazionale se ne sa veramente poco, là fuori ci sono un sacco di ragazzi che lo farebbero volentieri, ma che non sanno cosa sia esattamente e magari ignorano pure che ci siano palestre nelle loro vicinanze…QUINDI PARLATE DI CHEER A TUTTI!

3. Qual è secondo voi la più grande difficoltà nell’essere un cheerboy?

Essere un cheerboy è un piacere, ma allo stesso tempo è difficile: come le nostre colleghe, ci spacchiamo il c**o mesi e mesi, per dare tutto in 2 minuti e mezzo, con tutta la fatica, l’impegno e l’ansia che ne consegue. Da noi pretendono molto, anche più che dalle ragazze, quindi dobbiamo sempre essere all’altezza e trasmettere fiducia. È un po’ il nostro ruolo, e va bene così.

4. Un consiglio che voi dareste a un coach per fare capire ai ragazzi che il Cheerleading è un bellissimo sport e di conseguenza portare più boys in una squadra coed?

Nel cheerleading ci vogliono ragazzi forti e questo sport rende tali: questo è il messaggio che dobbiamo trasmettere. Quindi ben vengano esibizioni ma anche mostrare video ad amici e parenti, o a “colleghi” di palestra. Ovviamente per un ragazzo è molto più accattivante l’idea del partner, siamo sinceri.
Ci piace anche il dance ma solo da vedere. Si può iniziare con l’idea del partner e scoprire anche tutto il resto, perché comunque è uno sport di squadra, l’unico al mondo che è misto, uomini e donne insieme….e che donne!

5. Cosa risponde solitamente la gente quando gli dite per la prima volta che siete Cheerleaders?

Ovviamente chiedono cosa sia questo “cheerleading”….beh se avesse un nome più corto sarebbe meglio!
A chi ce lo chiede, noi spieghiamo cos’è, poi a volte le persone ci fanno anche i complimenti e riconoscono la difficoltà dello sport in sé. Più che altro si sorprendono che ci sia anche in Italia e che sia praticato da uomini. Torniamo sempre al discorso della non conoscenza del cheer.

6. Vi è mai capitato che qualcuno vi prendesse in giro a causa di questo sport? Come avete reagito?

Capita che gli amici facciano qualche battutina, lo sapete anche voi il discorso del “datemi una A, datemi una B” solo per fare un esempio. Qualcuno mette anche in dubbio la nostra virilità, ma finché restano battute non ci danno alcun fastidio, saper scherzare fa solo che bene. Sinceramente a parte cose del genere nessuno ci ha preso in giro, anzi se gli facciamo vedere qualche stunt spettacolare la reazione è sempre un “Wooow!”
Le prese in giro forse accadono tra bambini, se qualche piccolo cheerboys subisce queste cose possiamo dirgli di sbattersene che tanto quello che se la spassa è lui, non quelli che stanno sul divano.

7. Come è nata l’idea di creare la pagina Cheerboys e di fare memes?

 Tra noi ci chiamavamo “Cir Bois” per scherzare, poi a Praga durante gli Europei abbiamo pensato di fare la pagina Instagram, che dopo è diventata @Cheerboys_ita. L’idea era di postare cose ignoranti in salsa cheer, dopodiché la cosa è evoluta e si sono aggiunti i ragazzi di Cheermemes (Facebook) con cui praticamente facciamo il team meme del cheerleading.
Ci sono molte pagine di cheer ma non ce n’era una che facesse meme dal punto di vista maschile e ci pareva un peccato che il nostro sport non potesse godere di meme ad esso dedicate.
Fin da subito ci ha fatto piacere portare un sorriso ai nostri compagni di squadra e non.
Beh più o meno qualcuno avrà capito chi siamo, ma rimanere nell’ombra non è che ci dispiaccia!
In fondo il nostro scopo è farci 4 risate sul cheer, fuori da gare, federazioni, squadre…

8. Cosa pensate del partner stunt?

 È inutile girarci intorno: a noi piace il partner stunt, per noi maschi è il top, la cosa più bella di tutte, quella a cui aspiriamo di più perché ci fa esprimere forza e capacità personali. Le soddisfazioni più grandi te le da il partner, pur sapendo che è solo una parte del cheerleading. Ma se hai un bel partner lo metti a disposizione del tuo team. Il difficile è ritagliarsi tempo per migliorarlo, anche perché sappiamo che prima vengono gli allenamenti con la squadra.
Fisicamente è pesante, e in particolare va fatto con regolarità, altrimenti “lo perdi”, per così dire. E poi ovviamente conta la flyer: se ha la tua stessa voglia potete fare T U T T O ! Si insomma è la nostra fissa.
(Ps.: uno di noi ha detto che se non ci fosse sarebbe già andato a far Crossfit. )

9. Una domanda che in molti si chiederanno… Vendete le vostre T-shirt?

Ma in realtà abbiamo già procurato le magliette a chi ce lo ha chiesto. Ci fa piacere se altri ce le chiedono, in fondo le abbiamo pensate PER TUTTI I RAGAZZI CHE FANNO CHEER, quindi ne saremmo orgogliosi.

Non abbiamo un’attività commerciale, quindi per chi fosse interessato la ordiniamo al negozio dove le abbiamo fatte noi e poi ve la spediamo.

10. La meme di cui siete più orgogliosi?

La meme di cui andiamo più orgogliosi è questa:

Rappresenta quello che è veramente il nostro sport: NON USIAMO ATTREZZI O STRUMENTI, MA I NOSTRI COMPAGNI DI SQUADRA e questa immagine rappresenta semplicemente la verità.
Poi ci sono tante altre meme che ci piaccono e ci hanno fatto ridere, d’altronde è questo il loro scopo.
Esiste anche una serie di meme che non possono essere pubblicate, ma questa è un’altra storia…..

11. Come descrivereste il rapporto che avete con i vostri compagni? Pensate sia importante essere affiatati tra Cheer Boys?

Abbiamo un ottimo rapporto, d’altronde siamo sulla stessa barca: condividendo la stessa passione è inevitabile legare e diventare amici.
Usciamo tra di noi al di fuori della palestra, anche se finiamo sempre a parlare di cheer.
Ad allenamento ci aiutiamo a vicenda, ci piace anche giocare e “fare gli idioti”, lo ammettiamo, perché non prendersi troppo sul serio fa parte del lato maschile di questo sport .
Siamo una minoranza in squadre di sole donne, e dobbiamo aiutarci per sopravvivere.

12. Qual è lo stereotipo che secondo voi “spaventa” di più i ragazzi che vorrebbero iniziare cheerleading?

Allora parliamoci chiaro: l’idea è che sia roba da donne o per ragazzi effemminati, ma questo deriva sempre dal fatto che la gente ha quest’idea delle ragazze pompon dei film americani. Basta poco in realtà per smontare questa cosa, basta mostrargli il cheer.
E ricordate:
“UNA DIVISA ATTILLATA E DAI COLORI SGARGIANTI, NON RENDE AUTOMATICAMENTE DELLE FATINE”

13.Un consiglio che dareste a un ragazzo che ha appena iniziato?

Sarebbero tanti i consigli e su aspetti diversi, ma a chi ha appena iniziato possiamo dire di provare a coniugare palestra e cheer per ottimizzare i risultati. In questo sport serve forza e più muscoli hai meglio è, ma non è tutto. La tecnica, la coordinazione e la pratica contano di più, lo sviluppo muscolare da solo non basta. Avendo gli allenamenti col team si deve adeguare ad essi tutto il resto, è in questo che dovete essere bravi.

12. Una domanda che tutte le Cheerleaders si staranno ponendo: davvero pensate che le atlete italiane siano le più belle del mondo?

Si è vero le cheerleader norvegiesi sono le più bel…ah no aspetta questo è Cheerlitaly
Scherzi a parte, ci sono bellissime cheerleader in ogni paese, ma generalmente possiamo dire che le bellezza mediterranea è una spanna sopra a tutte. Quindi sì, abbiamo l’onore di fare cheerleading con le più belle del mondo!
.
.
.
….c’è una vocina nella mia testa secondo la quale restavamo tutti senza flyer se la risposta fosse stata diversa.

15. Salutateci lasciando una vostra citazione!

RAGAZZI, NON PERMETTETE MAI A NESSUNO DI DIRVI QUANTE DONNE POTETE ALZARE!


Ci teniamo a ringraziare davvero molto tutti i Cheer boys per la loro disponibilità nel collaborare con noi, la loro simpatia e l’impegno con cui hanno risposto (tutti insieme!) alle nostre domande. Sono dei ragazzi davvero divertenti e auguriamo loro il meglio per la prossima stagione sportiva!

Ovviamente vi invitiamo a seguirli nelle loro pagine social per non perdervi nessuno dei loro meme!

Instagram: Cheerboys_Ita

Facebook: Cheer Memes

Rispondi