10... Cheer Genitori

Cheerleading vs Genitori: una guida per sopravvivere a questo sport!

Cheerleading vs Genitori: una guida per sopravvivere a questo sport!
Tuo figlio ha appena iniziato cheerleading? Sei incuriosito da questo sport e non sai cosa aspettarti? Hai cercato online e non sei sicuro di come comportarti o come affrontare gare ed esibizioni?
Che tuo figlio sia un ragazzino che a settembre ritornerà a scuola o che la scuola l’abbia finita da un pezzo, ecco qui una guida con 10 consigli e cose da fare per essere un cheer papà o una cheer mamma ideale!

1. L’importanza degli allenamenti

L’allenamento è la base del cheerleading! Si tratta infatti di uno sport di squadra difficile e faticoso, per il quale serve moltissima pratica. Essendo uno sport in cui il team è la cosa più importante, l’assenza anche soltanto di un membro può essere decisiva e impedire l’allenamento prefissato per quel giorno. Organizzati in tempo e porta sempre tuo figlio agli allenamenti, specialmente in periodi di gare ed esibizioni, ma soprattutto evita di imporre l’assenza dell’allenamento come punizione!!! Ci rimetterebbe l’intera squadra e i coach si troverebbero in difficoltà, costretti a riorganizzare tutto il programma di allenamento. Senza contare che hai già pagato per far allenare il tuo bambino…Se serve, scegli un castigo più utile e che non punisca tutta la squadra, il lavoro della sua coach ma anche il tuo portafoglio!

2. Conosci gli allenatori e fidati di loro

É sempre molto importante presentarsi e conoscere bene i coaches che allenano tuo figlio! Per loro infatti non è solo un lavoro, ma una grande passione! Gli allenatori accompagneranno costantemente il tuo bambino non solo nel cheerleading ma anche durante la sua crescita. È giusto che i coaches siano per ogni cheerleader una figura di grande esempio. Fidati di loro, sii gentile e disponibile! Cerca di collaborare il più possibile e sii presente alle riunioni, alle esibizioni e ad eventuali allenamenti dimostrativi! Tieniti in contatto, sii aperto al dialogo e chiamali subito in caso di problemi, loro sono a completa disposizione per la tua serenità ed il bene di tuo figlio! Apprezza il lavoro che fanno anche nei momenti negativi, in cui ti sembra di non vedere miglioramenti nelle abilità del tuo cheerleader. Fidati del loro operato: loro vogliono il meglio per tuo figlio e per tutta la squadra!

3. Informati e sii curioso nei confronti di questo sport

Il cheerleading purtroppo è ancora poco conosciuto e anche tu probabilmente non sei molto informato! Sii curioso e cerca di acquisire più informazioni possibili su questo fantastico sport! Sii social: leggi blog, segui pagine e guarda molti video! Chiedi spiegazioni alla coach, ai genitori degli altri bambini ma soprattutto a tuo figlio! Dimostrati interessato e chiedigli di spiegarti i vari termini, gli elementi fatti ad allenamento o cosa porterà in gara! Sicuramente sarà apprezzato e sarà stupendo vedere tuo figlio elettrizzato nell’insegnarti cose nuove su quello che ama!

4. Conosci gli altri cheer genitori

Soprattutto se sei nuovo (ma anche se sei in questo mondo da tempo), conosci gli altri genitori della squadra! Imparate gli uni dagli altri, confrontatevi e supportatetevi! Scambia informazioni e consigli, organizzatevi per portare i figli ad allenamento insieme o per preparare una tifoseria perfetta in caso di competizioni. Il cheerleading è uno sport in cui la squadra diventa una seconda famiglia ed è importante che anche i genitori siano uniti!

5. Sii il migliore tifoso

Alle gare nulla è importante per un cheerleader quanto l’appoggio e il tifo di amici e famiglia! Cerca di esserci a tutte le competizioni e se non ti è possibile segui le dirette streaming! Organizza un gruppo di tifosi con tutti gli altri genitori e amici : preparate bombolette, striscioni, palloncini e tifate insieme per i vostri bambini e ragazzi. Potete anche organizzarvi insieme ai coaches e stampare delle magliette con il nome della squadra ed altri gadgets!

 

 

6. Rilassati con tuo figlio prima della gara!

Il periodo di gare ed esibizioni é stressante e fa sentire sotto pressione. Se ci aggiungiamo gli impegni scolastici o lavorativi…un disastro! É importante che in famiglia si crei un clima quanto più rilassante e sereno possibile, per rassicurare il proprio atleta e farlo sentire pronto ad affrontare il pubblico. Aiuta il tuo cheerleader nella preparazione alla gara rilassandovi insieme, controllando di aver tutto pronto e vedendo la gara come un punto di inizio per un ulteriore miglioramento.

7. Sii organizzato

Organizzazione e puntualità prima di tutto! Utilizza un calendario e segnati tutti i giorni in cui il tuo cheerleader ha allenamento! Inoltre evidenzia i giorni in cui ci saranno gare ed esibizioni, per non sovrapporre impegni e per poter preparare tutto l’occorrente qualche giorno prima! Sii puntuale e cerca di arrivare ad ogni evento in anticipo!

8. Diventa un truccatore e un parrucchiere perfetto

Se sei un cheer genitore di una giovane cheerleader é importante che tu sia preparato anche in termini di make up e capelli. Pettinarsi e truccarsi da sole é difficile a qualsiasi età, soprattutto in vista di una gara importante. Impara anche tu a riprodurre le acconciature e il trucco richiesti dai coach! Sarai di aiuto non solo a tua figlia, ma anche alle sue compagne di squadra e agli altri genitori! Prepararsi insieme é più divertente!

9. Non pretendere troppo da tuo figlio!

Nel cheerleading, come nella vita, capitano anche le giornate no. Non sforzare tuo figlio a provare qualcosa per cui non è pronto! Affidati ai coach e al loro insegnamento. Molte volte è meglio lasciar passare del tempo: i progressi lenti sono spesso anche i più duraturi! Il tuo compito é quello di supportare il tuo bambino anche quando si trova ad affrontare momenti difficili. Non criticare mai il suo lavoro o quello dei suoi compagni. Incoraggia tuo figlio e l’intera squadra con una parola gentile a fine allenamento, che sia andato bene o meno.

10. Sii un esempio

Un vero cheer genitore…è anche il cheerleader numero uno del suo stesso figlio! Sii di esempio per lui: insegnagli cosa significa fare sacrifici per ottenere dei risultati. È importante comunicare il fatto che il cheerleading è uno sport difficile e che richiede passione, costanza e pazienza. Soprattutto, insegna a tuo figlio l’importanza della gentilezza e del rispetto verso gli altri atleti e verso le altre squadre. In gara, riserva sempre un sorriso e una parola gentile agli avversari e ai loro genitori. Sii un buon esempio in palestra…e lo sarai anche nella vita!


Grazie per la lettura e speriamo che questi 10 consigli vi saranno utili in futuro!
Questo articolo lo vogliamo dedicare a tutti i fantastici cheer papà e cheer mamme che seguono e supportano i loro figli in questo sport! Grazie per tutto quello che fate, per l’energia ed il tempo che ci mettete! Tutto questo senza di voi sarebbero impossibile ! Grazie per credere nel cheerleading!

Rispondi