Cheer Games per unire il team!

L’abbiamo visto qualche articolo fa: creare un buon legame all’interno della squadra è il primo passo per poter avere un team forte e unito nelle difficoltà! Ma come fare? Oggi vi vogliamo proporre il metodo più divertente, adatto a tutte le età, dai più piccolini ai più grandi: cheer games per unire il team!

La traversata

Dividiamo la squadra in gruppetti da 4 o 5 persone. Ogni gruppetto si posizionerà a un capo della palestra, con due materassi della stessa dimensione. Lo scopo sarà utilizzare i materassi come se fossero zattere, per passare da un’ipotetica sponda all’altra, situata dall’altro capo della palestra. Ovviamente, non si deve cadere in “acqua”! Vietato appoggiare mani e piedi sul pavimento!

Cerchio umano

Dividiamo la squadra in due, formando quindi due team. Entrambi i team creeranno un cerchio tenendosi per mano. Il coach posizionerà un cerchio di legno (un hoola hop in pratica!) tra due componenti di ogni squadra. Lo scopo sarà far fare un giro completo al cerchio di legno senza mai separarsi!

La gara di verticali

Ci si divide a coppie e ci si posiziona a cerchio. Ogni coppia eseguirà una verticale assistita, con un atleta in verticale e l’altro ad aiutarlo come spotter. Ogni volta che il coach darà il via, tutti i compagni che stanno reggendo gli atleti in verticale dovranno correre ad assistere il compagno a destra. Se cade una verticale, viene eliminato l’atleta che la eseguiva e il compagno che stava correndo a reggerlo. Ovviamente vince l’ultima coppia che riesce a resistere in verticale senza cadere.

Staffetta

Organizzare una staffetta è il modo migliore per allenare la resistenza senza stufare i più piccini. Basterà dividere il team in due o tre squadre e posizionare le squadre formate dietro una linea bianca. A quel punto i primi in fila partiranno correndo fino a un ostacolo posto dal coach, ci gireranno attorno e torneranno indietro, dando il via al compagno seguente. Vince la squadra che per prima completa il numero di giri stabilito dal coach. Una buona alternativa è quella di stabilire andature particolari per la corsa, come esercizi in quadrupedia, skip o pennelli.

La corsa al pompon

Metà della squadra si siede a cerchio. Il coach pone al centro del cerchio un pompon, a distanza equa tra gli atleti. L’altra metà di squadra dovrà correre al di fuori del cerchio finché l’allenatore non fischierà. A quel punto si dovrà raggiungere il compagno più vicino, sistemarsi “a carriola” e procedere con tale andatura fino al pompon. Vince la coppia che arriva per prima al centro.

Crea una bed-pyramid!

Dividete il team in due squadre e lasciate a ogni squadra 10 minuti di tempo per inventare una bed-pyramid. Non sapete di cosa si tratta? Di una finta sequenza in piramide fatta su letti o materassi! Avrete così due team di soli “flyers” che potranno volare sui materassi per creare le combinazioni più innovative! Vince il team con la bed-pyramid più fantasiosa!

Lascia un commento